La rete HTEC europea

LIl concetto di partnership per
sostenere la formazione CNC

 

Search

Domande e risposte HTEC: Risposte ad alcune domande frequenti

D: Qual è l’idea alla base del programma HTEC?

Katja Mader, il direttore marketing di Haas Automation Europe: Il programma HTEC si prefigge come scopo la creazione di solidi legami tra l'HFO di zona e la scuola o l'istituto tecnico locale. Al fine di creare tali legami, un HFO può assistere e formare la prossima generazione di operatori CNC, il che va a vantaggio della scuola, dei suoi studenti, delle aziende locali e dell'HFO.

Bert Maes, il coordinatore HTEC: Il nostro obiettivo è aiutare le scuole e le aziende ad attirare un numero maggiore di giovani verso la produzione CNC, fornendo loro la migliore tecnologia e l'infrastruttura di supporto necessaria. Gli HTEC li aiutano a ottenere tale obiettivo e, di conseguenza, possono dare anche impulso al settore manifatturiero della zona.

D: Cosa comprende un HTEC? Ad esempio, quali modelli di macchine Haas usano i centri HTEC?

BM: Solitamente una scuola acquista un tornio e una fresatrice CNC Haas, in modo che gli studenti possano fare pratica con i due tipi di taglio di metalli. La dimestichezza con torni e fresatrici garantisce loro la preparazione ideale per il lavoro in un ambiente di produzione al momento di concludere gli studi. Inoltre, le aziende partner di settore dell’HTEC offrono una vasta gamma di attrezzature complementari, quindi la loro conoscenza della lavorazione CNC sarà quanto più ampia e specializzata possibile.

D: Quali sono i principi di base per un HTEC di successo?

KM: Innanzitutto, l’ambiente dell’HTEC è pensato per entusiasmare. Desideriamo che sia pulito e bene organizzato e vogliamo che rispecchi il migliore ambiente di produzione che gli studenti potranno trovare al momento di terminare gli studi. È compito dell’HFO di zona fornire assistenza quotidiana in modo che le società locali possano considerare la struttura come un centro di eccellenza per la produzione e una fonte di operatori apprendisti con competenze elevate.

D: Cosa differenzia il programma HTEC dall'assistenza formativa offerta da altre aziende di macchine utensili?

BM: In pochi anni e con l’aiuto di diversi professori universitari, HAE ha stilato e perfezionato i principi basati su diversi anni di studio e sulla motivazione di studenti e insegnanti, su come fornire supporto a tecniche formative innovative e su come adottare al meglio il programma HTEC in scuole e università.

KM: Un punto importante da tenere in considerazione è il fatto che HAE non presta macchinari a un centro HTEC. Numerosi produttori prestano macchine, ma solitamente per brevi periodi. Quando il periodo del prestito si conclude, ad esempio dopo due anni, la macchina viene tolta e la scuola non può più usarla per l’insegnamento. Ovviamente, una scuola non può impegnarsi sul lungo termine nei confronti degli studenti o dello staff se le installazioni di macchine e l’assistenza non sono continue e permanenti. HAE insiste sull’importanza di un impegno di tutte le parti. Lavoriamo inoltre con le aziende manifatturiere vicine all’HFO e ai dipartimenti di governo per individuare e raccogliere i fondi per la creazione di strutture permanenti.

D: Secondo la vostra esperienza, cosa spinge i giovani a scegliere una carriera nella produzione di precisione?

BM: I giovani vogliono ottenere competenze nuove e spendibili sul mercato. Desiderano affrontare nuove sfide, cambiamenti costanti e nuove esperienze. Si aspettano anche attrezzature all’avanguardia e di alta qualità con cui lavorare. In effetti, i giovani oggi si aspettano giustamente attrezzature di alta qualità nelle loro aule, come quelle che utilizzano nelle loro case e nella vita quotidiana. Il programma HTEC si prefigge come scopo la ripartizione di competenze e conoscenze che possano portare a carriere interessanti e ben retribuite.

D: Il programma HTEC può anche aiutare e incoraggiare le giovani ragazze ad accedere al mondo dell’ingegneria?

KM: Senza dubbio. Solo il 5% delle ragazze in età scolare afferma di essere interessato a una carriera in ambito tecnico. Naturalmente, ciò ha molto a che vedere con stereotipi e pregiudizi di settore che presentano le carriere in ambito manifatturiero come scelte inadeguate per le donne, ma tutto ciò sta cambiando rapidamente.

BM: Le carriere in ambito tecnico offrono prospettive simili a quelle in ambito scientifico e tecnologico e, da un punto di vista statistico, le donne spesso registrano prestazioni migliori rispetto ai colleghi maschi nelle materie scientifiche e matematiche. Le studentesse che abbiamo la fortuna di incontrare durante il programma HTEC sono eccezionali, non solo per le loro capacità accademiche, ma anche per l’atteggiamento positivo e la loro volontà di imparare. Cerchiamo di indicarle come esempio ad altre giovani donne, presentandole in tutti i case study e profili.

D: Quanti studenti circa sono coinvolti o hanno già tratto vantaggio dal programma HTEC in Europa?

BM: Considerato che ci sono ora oltre 50 HTEC in Europa, con una media di 20 studenti per ognuno di essi, possiamo calcolare che attualmente oltre 1.000 studenti stanno acquisendo competenze di lavorazione CNC su una macchina utensile Haas. Questo vuol dire almeno 1.000 operatori macchina qualificati che accedono ogni anno o ogni due anni al mondo del lavoro. Tuttavia, è anche importante ricordare che HAE ha installato macchine Haas presso 560 scuole in Europa, che non sono HTEC completamente sviluppati. Attualmente circa 10.000 studenti vengono formati su queste macchine ogni anno.

D: I giovani sono utenti entusiasti di social media e di supporti elettronici per la comunicazione e per la creazione di reti. In che modo HAE impiega la tecnologia più recente per mantenere i contatti con gli studenti e lo staff HTEC?

BM: Si tratta di una sfida enorme, considerato che il programma HTEC europeo coinvolge già diversi paesi e abbraccia numerose lingue. A luglio abbiamo lanciato un sito Web completamente rivisto e riprogettato, più utile per chi è interessato al programma HTEC, che comprende i partner di settore HFO e altri enti esterni, quali dipartimenti governativi e datori di lavoro potenziali.

KM: Il nuovo sito Web è attualmente disponibile in inglese, tedesco, italiano, francese, olandese e svedese, e presenta link a social media, come al blog di Bert. In termini generali, il sito è più semplice da utilizzare rispetto a quello precedente, che non rispecchiava abbastanza chiaramente la nostra filosofia e gli obiettivi del programma HTEC.

D: Quale sarà il futuro del settore manifatturiero avanzato in Europa? Di che tipo di tecnici avrà bisogno il settore di taglio metalli CNC?

KM: Possiamo osservare che le aziende manifatturiere europee stanno automatizzando sempre più i loro stabilimenti, liberandosi di operai scarsamente specializzati. Tuttavia, nonostante il numero crescente di macchine avanzate semiautomatiche e automatiche e di robot in termini generali, sarà necessario un numero sempre maggiore di specialisti per configurare e rifinire sistemi, risolvere problemi e garantire un funzionamento fluido ed efficiente dei processi produttivi.  Questa tendenza rappresenta un’opportunità eccezionale per gli studenti HTEC.

BM: I produttori sono alla ricerca di persone da assumere che siano in grado di comprendere macchinari computerizzati di alto livello e a più processi. Hanno bisogno di persone in grado di risolvere problemi complessi di produzione, che possano eseguire sistemi e garantire manutenzione preventiva, eseguire riparazioni di routine e riconoscere e implementare opportunità per migliorare i processi. Grazie al programma HTEC cerchiamo di fornire agli studenti vaste conoscenze e competenze specifiche di lavorazione su macchine CNC, software CAM, strumenti da taglio, presa pezzi, refrigerante, ecc. Ogni azienda partner di settore HTE si impegna alla fornitura dei propri prodotti, delle proprie conoscenze e dei materiali di insegnamento. Riteniamo che il programma HTEC integri una combinazione esclusiva e potente della più recente tecnologia e di assistenza.